giovedì 9 febbraio 2017

Rivelati i principali Jeager di Pacific Rim: Uprising


Il sito License Global ha pubblicato quella che dovrebbe essere la prima immagine ufficiale di quelli che presumibilmente saranno gli Jaeger principali di Pacific Rim 2, o meglio, Pacific Rim: Uprising.
A quanto pare non solo il cast si è rinnovato in maniera esponenziale ma sembra esserci stato un drastico cambio di rotta anche nel design dei robottini maciulla Kaiju.
Sinceramente? Prendendo per buono quanto rivelato dalla testa ho sensazioni contrastanti riguardo i nuovi robot.


È sì vero che il il brand nasce come un tributo del caro Guillermo Del Toro (qui non più alla regia ma solo in veste di produttore) al mondo degli anime, dei mecha e dei monster-movie di stampo orientale ma è anche vero che gli Jaeger del primo film conservavano un anima prettamente occidentale, riflettendo le varie fasi dello sviluppo delle varie macchine da guerra: dal rozzo e squadrato Cherno-Alpha al moderno ed agile Striker Eureka passando per l'intermedio Jipsy Danger e senza dimenticare il più esotico Crimson Typhon. Ognuno di essi, inoltre, rifletteva le caratteristiche, non solo dei piloti, ma anche della loro nazione di provenienza. Insomma, quello alle spalle dei robot da combattimento, era uno studio certosino che ha portato ad una vincente caratterizzazione di ognuno di essi. In questo caso, invece, per quanto io possa apprezzare questo tipo di design, non posso fare a meno di notare una sorta di appiattimento creativo, di standardizzazione ai canoni classici dei mecha giapponesi senza però spiccare in qualche modo. Manca quel qualcosa che possa renderli iconici come i precedenti. Parliamoci chiaro, Cherno Alpha e, sopratutto, Crimson Typhon hanno un peso irrisorio nell'economia della pellicola eppure restano in qualche modo iconici e facilmente identificabili, qui invece, per ora, non riesco a veder nulla che possa farli restare impressi nella memoria collettiva.
Ovviamente le motivazioni per queste scelte di design possono essere molte, a partire dalla più ovvia, vale a dire il salto temporale rispetto al primo capitolo. Son passati anni, infatti dalla vittoria dell'umanità contro i Kaiju ed il contributo fondamentale di uno Jaeger alla causa avrà sicuramente portato nuova linfa vitale al progetto, portando ad un escaletion evolutiva dei nuovi modelli in vista di un futuro attacco (qualcosa di simile a quanto visto con Independence Day 2 per capirci) con la conseguente creazione di robot sempre più evoluti e funzionali. 
Ed in un contesto del genere il nuovo design funziona (il principale potrebbe essere addirittura un nuovo modello del caro vecchio Jipsy, probabilmente pilotato questa volta da John Boyega) sacrificando però, almeno in parte, quell'unicità e quella caratterizzazione che hanno reso memorabili i membri della "vecchia scuola".



Ovviamente di tempo ce n'è ancora moltissimo fino all'uscita per scoprire eventuali nuovi robot e per posare gli occhi, finalmente, sui nuovi Kaiju (aspettando un primo teaser) e, ripeto, non lo vedo come un brutto design quello che caratterizza i nuovi Jaeger ma non riesco a scorgerci lo stesso potenziale degli originali.

Nessun commento:

Posta un commento