sabato 20 gennaio 2018

Most Wanted Videogames 2018


Il 2017 è stato un anno grandioso per l'industria videoludica: titoli di qualità di ogni genere ci hanno accompagnato nell'arco di dodici fantastici mesi. Ce ne è stato per tutti i gusti, fra produzioni blasonate, nuove ip in grado di imporsi nell'immaginario collettivo, opere indipendenti capaci non solo di scavarsi una propria nicchia ma, addirittura, di abbracciare il grande pubblico e dimostrando che differenti modelli economici sono sostenibili (anche se magari non praticabili da tutti).
Ma è stato anche un anno ricco di nuovi annunci per il futuro, perciò, per la terza volta, eccomi nuovamente qua a stilare un elenco - rigorosamente in ordine alfabetico - di quelli che sono i videogiochi che vi consiglio di tenere d'occhio per il 2018 e non solo.
Prima di lasciarvi alla lettura di questa vagonata di produzioni, però, voglio fare alcune precisazioni oltre a ringraziarvi per l'interesse che avete dimostrato nei confronti di questo piccolo progetto che sto portando avanti.
Come al solito, tutti i prodotti riportati qui di seguito rispecchiano soltanto quello che è il mio interesse, consigliarvi qualcosa per cui non nutro una particolare attrazione avrebbe poco senso e sarebbe poco "onesto" nei vostri confronti. Per cui mancheranno all'appello diverse produzioni di spicco o comunque di indubbia qualità che però non hanno acceso nel sottoscritto quella scintilla di entusiasmo - per il gioco in sé, per una particolarità o altro ancora - per finire in questo elenco.
Inoltre, al suo interno saranno presenti opere che sono state protagoniste delle scorse edizioni dei "Most Wanted", a queste ultime dedicherò meno spazio poiché già trattate gli scorsi anni (potrete recuperare tutte le informazioni necessarie per saziare la vostra sete di curiosità attraverso questo link) a meno che, nel corso del 2017, non siano emerse novità importanti a riguardo che meritano di essere trattate.
Detto questo, non mi resta che ringraziarvi ancora e augurarvi buona lettura e, sopratutto, buona scoperta.

venerdì 22 dicembre 2017

Little Devil Inside è proprio in forma


Prima di guardare il video, e facendo riferimento al solo messaggio inviato dai ragazzi di Neostream a tutti i finanziatori della campagna Kickstarter, non ero convinto di dedicare un piccolo post nel blog all'ultimo aggiornamento di Little Devil Inside, limitandomi ad una semplice condivisione nella mia pagina Facebook. Eppure ho cambiato idea.

martedì 5 dicembre 2017

Oh my Godheads: un titolo da divano


Sembra che i team di sviluppo i cui progetti nascono e crescono sotto l'ala protettrice di Square Enix e della sua iniziativa dedicata ai progetti indipendenti, Square Enix Collective, abbiano un debole per me.
Dopo l'apprezzatissimo Black: The Fall e l'altrettanto interessante Children of Zodiarc, questa volta è, infatti, il turno di Oh my Godheads.

sabato 25 novembre 2017

Oure: review del nuovo titolo Heavy Spectrum


La review di oggi ha per protagonista un titolo che ha non poche affinità, per quanto riguarda concept e meccaniche, con Aer - Memories of Old, di cui vi avevo parlato qualche giorno fa.
Oure è apparso come un filmine a ciel sereno riuscendo a spiazzare, positivamente, per diversi motivi.
Ma non perdiamoci in chiacchiere e procediamo con la recensione.

sabato 18 novembre 2017

BLACK FRIDAY 2017: le offerte più interessanti IN CONTINUO AGGIORNAMENTO


Ed eccoci qua. Il periodo decisivo per chiunque, come me, campa di commissioni Amazon: il Black Friday!
E quindi, come per la Amazon Gaming Week, ogni volta che potrò, aggiornerò questa pagina con le offerte più interessanti che trovo nei campi di mia competenza (Elettronica, specie videogame, e cinema).

Ovviamente, quelle da me inserite, sono soltanto le offerte che, per un motivo o per un altro, rientrano nei miei gusti e che quindi consiglierei con piacere (oltre a far parte unicamente di alcune categorie ben precise), per cui non è detto che se non troviate qualcosa in questa lista (che siano videogiochi da me ignorati, bundle, tv, pc, o anche tutte quelle categorie di prodotti da me non toccate, come i vestiti) non siano in offerta. Per cui, se dovessi comunque starvi simpatico e voleste aiutarmi, vi invito comunque a navigare su Amazon attraverso questo link.

mercoledì 15 novembre 2017

Aer: memories of Old - Recensione del nuovo titolo prodotto da Daedalic Entertainment


Non smetterò mai di ripeterlo, uno dei titolo più influenti dell'ultima decade videoludica è, senza alcun dubbio, Journey. La produzione That Game Company ha sicuramente dimostrato che produzioni diverse, "più esperienziali", d'atmosfera, potessero trovare il proprio spazio in un mercato che vada oltre una piccola nicchia.
Questo ha, perciò, portato molti team di sviluppo a credere in questo genere di prodotti, dove la creatività artistica abbia il sopravvento sul puro aspetto ludico e/o narrativo, mescolando i due elementi ed esaltando, così, le potenzialità di quello che è linguaggio proprio del medium. 
Molti sono, quindi, i prodotti che hanno seguito tale filosofia (fra tutti, il più ovvio è sicuramente Abzû, a cui ho dedicato un articolo qualche tempo fa) tra cui anche il nuovo lavoro di Forgotten Key, Aer: memories of Old, prodotto da Daedalic Entertainment (e protagonista del mio ultimo "most wanted").

giovedì 9 novembre 2017

The Inner World - The last Wind Monk: La mia recensione


Ed eccoci tornati, dopo diverso tempo, sulle recensioni. Anche oggi mi muovo su un terreno poco agevole per me, quello delle avventure grafiche punta e clicca. Eh sì, dopo i puzzle game in prima persona (giusto per semplificare la definizione di Obduction) ho deciso di tentare la sorte con un genere con il quale, paradossalmente, ho sì poca affinità ma che, al contempo, ha fatto sbocciare il mio amore per il mondo delle produzioni indipendenti (a testimonianza di ciò c'è il mio video dedicato a Machinarium).
Questa volta, la mia lente d'ingrandimento si focalizzerà su The Inner World - The last Wind Monk, sequel di The Inner World, titolo sviluppato dal team tedesco Studio Fizbin (fatevi un giro anche sul loro sito, visto che è alquanto figo).
La versione da me testata è quella per Playstation 4 (importante sottolinearlo, specie in rapporto alle meccaniche di gioco).